Vai al contenuto

Giulia Son

Home » Come chiedere feedback ai tuoi Clienti.

Come chiedere feedback ai tuoi Clienti.

La capacità di ascoltare i tuoi Clienti è una di quelle che, nel corso della tua carriera come imprenditrice, di sicuro finirai per affinare. Infatti, quanto più saprai capire i bisogni e le necessità delle persone di cui sei al servizio, tanto meglio saprai soddisfarle. E chi meglio dei tuoi Clienti, può raccontarti cos’è che i tuoi Clienti vogliono?

Quella fra te, come professionista, e i tuoi Clienti è una vera e propria relazione: fatta di momenti, intrecci, scambi e conversazioni, dare e avere. Comprendere le dinamiche di questa relazione è un grosso vantaggio per il tuo Brand: dal momento in cui sarai consapevole che, di fronte a te, c’è una persona reale e non solo un insieme di freddi valori demografici, allora saprai diventare sempre di più un punto di riferimento all’interno del tuo mercato; la professionista a cui tutti* sognano di affidarsi.

*Quando dico tutti, naturalmente non intendo proprio tutti tutti: del resto, non credo che tu voglia lavorare con chiunque, e metterti al servizio dell’intero genere umano. No, mi riferisco a tutti quelli che assomigliano al tuo Cliente Ideale.

L’attività di Listening per comprendere il tuo Cliente Ideale.

La Buyer Persona, o Cliente Ideale, è la descrizione della persona di cui ti metti al servizio come Brand. Questo profilo non si limita a una descrizione generica, fatta di dati o statistiche; si concentra, invece, su elementi più sottili ma decisamente imprescindibili. Desideri, bisogni, problemi, necessità, ambizioni, paure, sogni: queste sono le cose che davvero descrivono il tuo Cliente Ideale perché queste sono le cose che spingeranno qualcuno a scegliere i tuoi prodotti o servizi.

Lo faranno per risolvere un proprio problema.
Per raggiungere un risultato desiderato.
Per trasformare qualcosa, nella loro vita, che non li soddisfa più.

Per dare ai tuoi Clienti quello che vogliono, devi sapere con esattezza di cosa hanno bisogno. E chi può dirti di che si tratta, meglio di loro?

Ascoltare i tuoi Clienti è una azione che, nel vocabolario del marketing, prende il nome di listening. Puoi farlo rivolgendoti ad una platea di persone che assomigliano alla tua Buyer Persona e, quindi, potrebbero un giorno scegliere di acquistare da te; ma puoi anche scegliere di fare domande a chi è già stato tuo Cliente.

Fare domande o chiedere feedback a queste persone può aiutarti a strutturare il tuo business model, scegliere i tuoi canali di comunicazione, riempire il tuo calendario editoriale, migliorare nel dettaglio i tuoi prodotti o servizi… Insomma, rinsaldare e accrescere il tuo business.

Strumenti digitali per ascoltare il tuo pubblico.

Gestire un business nel ventunesimo secolo significa affrontare nuove sfide, ma anche avere a disposizione tutta una serie di strumenti che gli imprenditori del passato di sicuro ci invidiano parecchio. Alcuni di questi ti saranno utili per chiedere ai tuoi Clienti, potenziali o passati, di rispondere a qualche domanda.

• I Social Media: spazi come Facebook, Instagram o Twitter sono delle piazze gigante in cui le persone con cui vuoi lavorare si muovono. Di cosa parlano? Come comunicano fra di loro? Che tipo di soluzioni cercano, e con quali Brand interagiscono? Inizia a porre attenzione al loro comportamento, e vedrai che imparerai moltissimo.

• Una menzione speciale per le Instagram Stories e, soprattutto, l’adesivo “Fammi una domanda”: c’è forse un sistema più semplice e veloce per chiedere a chi è interessato ai tuoi contenuti (e, quindi, al tuo lavoro) di dirti la sua?

• Moduli di Google o Typeform sono due piattaforme attraverso qui creare dei Questionari che è possibile compilare online, in modo comodissimo e veloce: le persone a cui chiedi di rispondere a qualche domanda lo faranno molto più volentieri se la cosa non gli porta via troppo tempo. I Moduli di Google sono sempre gratuiti; Typeform è più completo e offre maggiori funzionalità, ma ha dei limiti – che è sempre possibile superare scegliendo un piano di abbonamento.

Condividi questo articolo